Salute Medicina


Vai ai contenuti

Menu principale:


emocromo

Esami del sangue

Gli esami del sangue sono uno strumento necessario per controllare il proprio stato di salute e prevenire alcune malattie.
Tutti, gli atleti, a prescindere dalle condizioni di salute, sentono il bisogno di rivolgersi al medico per eseguire un controllo ematico annuale e vedere se le proprie condizioni di salute vanno bene.
Gli sportivi sono sicuramente i soggetti che sentono maggiormente questa esigenza, viste le fatiche fatte durante la stagione agonistica.
Il bisogno di sapere se tutto è in ordine in funzione in primis di tutela della salute, ma anche per capire se sono sopraggiunte delle anomalie o a qualche carenza.
Tutti dovrebbero eseguire un controllo ematico con frequenza annuale, specie gli ultraquarantenni, ma gli atleti, in funzione del proprio livello, dovrebbero fare controlli periodici già a partire dalla giovane età, quando si inizia l’attività agonistica.
La periodicità dei controlli varia da annuale a trimestrale e dovrebbe essere anche più frequente in caso di anomalie o predisposizioni. In genere, è opportuno un controllo generale completo all’inizio ed alla fine dell’anno e poi controlli mirati a eventuali parametri alterati e a quei parametri che risentono dell’attività sportiva.

L’esame del sangue
L’esame consiste nel prelievo di una piccola quantità di sangue da una vena del braccio. La quantità, a prescindere dal numero di provette prelevate, è irrisoria. La sensazione di malessere conseguente, di mancamento, di giramento di testa, non è imputabile, come molti credono, alla quantità di sangue prelevato, ma all’impatto psichico del prelievo stesso. La visione del sangue, l’ago, la siringa, spesso hanno un impatto emotivo negativo.

Quali esami
La scelta degli esami compete al medico e viene fatta in funzione dell’età, dell’attività fisica e lavorativa svolta e di eventuali disturbi o precedenti.
ESAME EMOCROMOCITOMETRICO
(Emocromo)
Il test indica la quantità dei diversi tipi di cellule presenti nel sangue (piastrine, globuli bianchi o leucociti, globuli rossi o eritrociti), l'ematocrito (la percentuale in volume della parte corpuscolata del sangue separata dal plasma), la quantità di emoglobina, il volume globulare medio (cioè la grandezza media dei globuli rossi), il contenuto medio di emoglobina del globulo e la sua concentrazione media.
Grazie all’emocromo, si verifica l’eventuale presenza di un’anemia e il numero di globuli bianchi stabilisce l’eventuale presenza di un processo infettivo in corso. In particolare, sono importanti le sottopopolazioni dei globuli bianchi. Un aumento dei bianchi, in particolare neutrofili, indica un processo infiammatorio acuto, l’aumento dei granulociti acidofili, una forma allergica o la presenza di parassiti, mentre i monociti aumentano in caso di mononucleosi

Home Page | Chi siamo | Servizi dei professionisti | Omotossicologia e omeopatia | Estetica | Visita di idoneità sportiva agonistica | Alimentazione | Valutazione funzionale | Valutazione della composizione corporea | Sovrallenamento e sovraffaticamento | Patologie nel ciclismo | I meccanismi energetici | Donne e ciclismo | Test Vo2 | Lattato | Pseudo-anemia del ciclista | Psicologia dello sport | Ciclismo giovanile MTB | Altura e ciclismo quali vantaggi? | Libri | Integratori | Esami del sangue | Massaggio Sportivo | Come idratarsi | Come preparare una 24 h di MTB | La Piattaforma Vibrante | Occhio al peso | Punture di insetti | Colpo di calore | LINK | FOTO | Declino di responsabilià | Libri | al lavoro in bici | Mappa del sito


Responsabile Scientifico Dott. Giovanni Posabella | gposabe@tin.it

Torna ai contenuti | Torna al menu