Salute Medicina


Vai ai contenuti

Menu principale:


Test di valutazione nel ciclismo

Valutazione funzionale


Dott. Giovanni Posabella
Medico Chirurgo
Specialista in Medicina dello Sport
Medico esperto in Omotossicologia



Valutazione funzionale dell'atleta

Il test atletico si può collocare tra le moderne metodiche di indagine circa le capacità funzionali dell'atleta, nel quale si cerca di individuare e valutare tutte le doti peculiari, senza il cui possesso difficilmente si risulta competitivi.
Il test è uno strumento di indagine, per lo piu' diretto al quale si ricorre per rilevare e valutare capacità e attitudini, sia esse fisiche psichiche e psicologiche.
I test atletici e cioè prove attraverso le quali può essere determinato quantitativamente ed obiettivamente il grado di efficienza fisica e abilità di una persona.
Vari possono essere i motivi per cui decidiamo di effettuare un test, i principali possono riassumersi in tre punti base:
" Valutare lo stato di forma dell'atleta
" Valutare l'efficacia della metodologia dell'allenamento, facendo riferimento ad eventuali valori ottenuti in test precedenti
" Per determinare, l'eventualità di ricorrere a nuove metodiche o di apportare variazioni nei sistemi e nei ritmi di allenamento
Un test dovrà essere di semplice esecuzione e dovrà avere la capacità di essere ripetuto più volte in maniera sempre identica.
Dovrà essere assolutamente non influenzato da chi è preposto alla sua esecuzione e facilmente interpretabile da chiunque.
Molto importante è decidere dove e come eseguire un test.
Gli spazi, i locali, l'ambulatorio o la strada devono rispondere alle esigenze di esecuzione, come le condizioni climatiche ed ambientali (temperatura, umidità, pressione atmosferica, ventilazione, luce) devono essere quelle più favorevoli, e dovrebbero essere identiche, qualora il medesimo test venga ripetuto a distanza di tempo.
L'ora di esecuzione deve essere scelta con molta attenzione, con la regola secondo la quale un test, ripetuto a distanza di tempo, dovrà effettuarsi alla stessa ora.
Il riscaldamento sarà adeguato allo sforzo che il test richiede, nel corso della stessa seduta, sarà opportuno evitare di sottoporre l'atleta a due test troppo faticosi.
La motivazione dell'atleta che esegue un test e l'informazione circa il motivo per cui si effettua il test saranno di notevole importanza per la buona riuscita di questo.

Home Page | Chi siamo | Servizi dei professionisti | Omotossicologia e omeopatia | Estetica | Visita di idoneità sportiva agonistica | Alimentazione | Valutazione funzionale | Valutazione della composizione corporea | Sovrallenamento e sovraffaticamento | Patologie nel ciclismo | I meccanismi energetici | Donne e ciclismo | Test Vo2 | Lattato | Pseudo-anemia del ciclista | Psicologia dello sport | Ciclismo giovanile MTB | Altura e ciclismo quali vantaggi? | Libri | Integratori | Esami del sangue | Massaggio Sportivo | Come idratarsi | Come preparare una 24 h di MTB | La Piattaforma Vibrante | Occhio al peso | Punture di insetti | Colpo di calore | LINK | FOTO | Declino di responsabilià | Libri | al lavoro in bici | Mappa del sito


Menu di sezione:


Responsabile Scientifico Dott. Giovanni Posabella | gposabe@tin.it

Torna ai contenuti | Torna al menu